Ultima modifica: 8 marzo 2017

La scuola

Storia dell’Istituto

L’Istituto Omnicomprensivo di Istruzione Secondaria Statale di Pantelleria è tale dal 1 Settembre 2000, quando in seguito al piano di dimensionamento provinciale, conseguente alla razionalizzazione delle sedi scolastiche operante in tutta Italia, si è proceduto all’accorpamento, in una nuova istituzione scolastica, dell’Istituto di Istruzione Superiore “V. Almanza” e della Scuola Media Statale “D. Alighieri”

 Scuola Mediascuola media pantelleria

L’attuale Scuola Media di Pantelleria nasce come scuola privata nel 1935. Vi accedeva, previo esame di ammissione, chi aveva completato le scuole elementari. L’esame di licenza media veniva sostenuto, alla fine del triennio, ad Erice, nella scuola media annessa al Convitto “Sales”. I genitori dei ragazzi frequentanti provvedevano alle spese di gestione, con il pagamento di rette mensili. L’atto di nascita della scuola media privata a Pantelleria è la conseguenza di una persecuzione politica. Fu Leonardo De Vita, professore antifascista di Marsala, a cui il regime aveva vietato di insegnare nelle scuole statali, che, giunto a Pantelleria nella prima metà degli anni 30, lavorò per l’istituzione di una scuola privata. Questa si rivolgeva ai figli delle famiglie più agiate e costituiva il triennio di ginnasio inferiore, base per il proseguimento degli studi nel liceo classico,da frequentare poi a Trapani o in altra sede. Nel 1940 il ginnasio privato era in grado di avvalersi della collaborazione, oltre che dello stesso professore De Vita, il quale insegnava lettere, anche della studentessa universitaria Angelina Casano, insegnante di lettere, e del prof. Antonio Valenza, che insegnava matematica e lingua straniera. Intanto, anche le due classi di Ginnasio superiore cominciarono a funzionare a tempo pieno, ma l’inizio della seconda guerra mondiale portò a qualche cambiamento. Il prof. De Vita, pur essendo convinto antifascista, per amore del figlio e del suo avvenire, chiese a Mussolini e al Re di arruolarsi volontario e dovette lasciare la scuola nelle mani dei due insegnanti collaboratori, a cui si era aggiunto il giovane studente Vincenzo Di Bartolo, già alunno dello stesso prof. De Vita, dal 1935, e da poco matricola universitaria. I tre continuarono a lavorare assiduamente fino al 1943, data in cui dovettero smettere, a causa dei bombardamenti. Ma, ormai, erano state gettate le basi per l’avvio di un’iniziativa, che neanche la miseria e la morte riuscirono ad annullare. Finita la guerra, infatti, non tutto andò perduto e, pur fra le macerie, la scuola ricominciò a funzionare nell’anno scolastico 1945-46, . Poiché non poté tornare nei locali del palazzo comunale, ormai fatto saltare dalle bombe, essa ebbe la sua sede nei locali che erano serviti alla Regia Marina, siti in via Salibi. La scuola riapriva i battenti come “Scuola Media e Ginnasio Superiore Autorizzati dall’Assessore Regionale alla P.I., gestiti dal Comune sempre con i contributi versati dai genitori degli alunni, avendo come Preside la professoressa Rosa Pavia Errera ed i docenti forniti dei prescritti titoli. In seguito, il Sindaco, da poco eletto, Vincenzo Almanza si interessava a far ottenere il riconoscimento legale degli studi seguiti dagli alunni. Infatti, alla fine dell’anno scolastico 1948-49, con decreto dell’Assessorato regionale P.I. Sicilia, n.207 del 10-06-1949 la Scuola fino allora “Autorizzata” otteneva il titolo di “Legalmente riconosciuta”. Ciò assicurava valore pienamente legale a tutte le operazioni di scrutinio e di esami, che si svolgevano sotto la direzione di un Commissario Governativo.

Nel nuovo clima di libertà e di riconoscimento del diritto all’istruzione dei cittadini, maturò anche la richiesta di trasformazione in statale della scuola ancora economicamente a carico dei genitori. Nell’anno 1950 la Scuola media Legalmente riconosciuta diventò Sezione Staccata della Scuola Statale “Livio Bassi” di Trapani e le due classi del Ginnasio Superiore Sezione Staccata del Liceo Ximenes di Trapani. Al compimento del primo triennio la Sezione staccata divenne Scuola Media Statale autonoma, mentre la Sezione del Ginnasio Superiore fu soppressa. Per i ragazzi forniti di licenza media veniva istituito l’Istituto Magistrale, primo nucleo dell’attuale Istituto Superiore.

Riepilogando, la scuola media a Pantelleria nasce come scuola privata, nella quale ogni anno gli alunni dovevano sostenere esami su tutte le materie di fronte ad una commissione nominata dal Provveditore agli Studi; diventa successivamente scuola legalmente riconosciuta, dove le operazioni di scrutinio venivano presiedute da un Commissario Governativo; nel 1950 diviene statale, come Sezione Staccata della “Livio Bassi” di Trapani, e, tre anni dopo, autonoma.

Sul nome cui titolarla ci sono state varie proposte: professore Leonardo De Vita, arciprete Giovanni D’Aietti, Giuseppe Mazzini, Dante Alighieri. La spunta quest’ultimo, probabilmente come soluzione di compromesso ad una contrapposizione che affondava le radici su questioni politiche ed ideologiche, che andavano oltre i confini specificatamente scolastici. E’ stata, così, persa un’occasione per compiere una riflessione profonda sulla nostra storia locale e per valorizzare, nelle coscienze delle nuove generazioni, l’esempio e l’azione di uomini che hanno operato, in modo illustre, nella nostra isola.

La storia della scuola media a Pantelleria, fino agli anni 50 non è , per quanto fin qui scritto, sostanzialmente lontana dalla storia della scuola media in Italia. Essa si identifica con la storia della scuola dei pochi che avrebbero continuato gli studi. Per i più la scuola aveva termine con il ciclo elementare, che non tutti completavano o, addirittura, iniziavano, mentre alcuni chiudevano gli studi con la sesta classe elementare. Permaneva, a Pantelleria, come nel resto del Paese, la dicotomia che divideva le scuole di cultura da quelle finalizzate alla professione.

Nel 1950-51 la Regione istituiva la Scuola Professionale regionale di tipo Agrario, che aveva lo scopo di preparare, con adeguata specializzazione, i futuri agricoltori e rilasciava un Attestato di Diploma, riconosciuto dalla Regione Siciliana, dopo cinque anni di frequenza. I corsi venivano così articolati: i primi tre anni, lezioni di tirocinio pratico; gli altri due anni finali: corso di specializzazione in Enologia o Agricoltura, a scelta dello studente. Il titolo di studio non dava possibilità di impiego sul territorio nazionale, ma abilitava al lavoro di agricoltore, con un’adeguata preparazione e dava la precedenza d’impiego nella stessa scuola Agraria regionale, con la qualifica di istruttore pratico, qualora ce ne fosse stato bisogno. In effetti, tale scuola non si sviluppò e rimase aperta, per anni, come nicchia di sopravvivenza per i beneficiati dal potere clientelare dei politici che comandavano in Regione, fino a quando, non essendo possibile neanche ai più sfacciati negare l’evidente bassissima, o nulla, frequenza degli alunni, tutte le Scuole Professionali della Sicilia vennero soppresse, con decreto del 1975. Verso la metà degli anni 50 sorse ancora un altro istituto: l’Istituto di Avviamento Professionale Statale, con sede nella palazzina del dr. Pietro Patané, il cui personale era composto da un preside, Dr. Angileri, un segretario e un istruttore pratico che faceva anche le veci d’applicato di segreteria, ins. Pietro Valenza. Alcuni professori insegnavano cultura generale e tecnica pratica di economia domestica alle ragazze e di agraria ai ragazzi. Il corso durava tre anni e il titolo di studio era equiparato a quello della Scuola Media.

Con la fusione della scuola media con quella di avviamento professionale, avvenuta con legge della Repubblica Italiana, n. 1859 del 31 dicembre 1962, l’Istituto di Avviamento Professionale Statale, con sede nella palazzina del dott. Patané, venne accorpato alla Scuola Media, la cui sede era in via Salibi, in una palazzina che ospitava gli alloggi della Regia Marina durante la Seconda Guerra Mondiale. Da allora per i ragazzi di Pantelleria, come per tutti gli italiani dagli 11 ai 14 anni, c’è un’unica scuola media. Essa, dopo aver cambiato varie sedi- dalla palazzina di via Salibi, all’albergo Mursia e al palazzo di via Napoli, attuale sede dell’Istituto di Istruzione Superiore, è in un edificio appositamente costruito dal Comune, sito in via Salibi. L’opera edilizia progettata dall’ing. Giovanni Oro agli inizi degli anni 60, svolge la propria funzione di sede di scuola media dall’anno scolastico 1988-89.

Alla morte della prima Preside Rosina Pavia Errera, assume la presidenza l’ing. Giovanni Oro, quindi il Preside Michele Zizzo. Dal 1968/69 assume tale carica il prof. Vincenzo Di Bartolo, collaboratore o vicepreside fin dai primi anni di esistenza della scuola, fino all’anno scolastico 1989-90, anno in cui è costretto a lasciarla, in quanto giunto in età pensionabile. La continuità della presidenza Di Bartolo è interrotta nell’anno scolastico 1974-75 dalla presidenza del Preside Mazzeo. Nell’anno scolastico 1990-91 preside è il prof. Vincenzo Ligotti, nel 1991-92 il prof. Franco Pavia, nel 1992-93 il prof. Michele Russo, nel 1993-94 la Preside Anna Dello Buono, nel 1994-95 e nel 1995-96 il prof. Luigi Moscato, nel 1996-97 il prof. Antonino Guida, nel 1997/98 il prof. Giuseppe Ancona, nel 1998/99 e nel 1999/2000 il prof. Franco Pavia.

Istituto Superioreistituto superiore

Come già detto, il primo nucleo dell’attuale Istituto Superiore è costituito dall’Istituto Magistrale che nasce il 27 Agosto 1953 per deliberazione dell’Amministrazione Comunale del tempo, Sindaco Vincenzo Almanza. Fu istituito come Magistrale Comunale a seguito della soppressione delle classi quarta e quinta del Ginnasio Superiore sezioni staccate da Trapani.

Successivamente, l’Istituto Magistrale diviene Istituto statale, quale sezione staccata dell’Istituto Magistrale “Rosina Salvo” di Trapani. Nel corso degli anni settanta l’Istituto assurge ad Istituzione Scolastica autonoma, operando nel tempo con rispetto e stima per le necessità del Territorio e dei suoi abitanti, quale unico canale formativo di istruzione superiore dell’isola.

Nel frattempo, su sollecitazione dell’Amministrazione Comunale del tempo, d’intesa con la Provincia Regionale di Trapani a partire dall’Anno Scolastico 1985/86 nasce nell’isola l’Istituto Tecnico Commerciale, sezione staccata dell’Istituto Tecnico Commerciale “Giuseppe Garibaldi” di Marsala, il cui Preside Ing. Andrea Billardello affronta questa nuova “sfida” con entusiasmo ed intelligenza, impegnando tutte le proprie risorse umane e professionali. Rapidamente la sezione di Istituto Tecnico Commerciale riesce ad affermarsi nel territorio per la sua qualificata offerta formativa nel campo economico-aziendale.

Per effetto di un primo provvedimento di razionalizzazione della rete scolastica della provincia di Trapani, a partire dalla data del 1 Settembre 1995, la sezione di Istituto Tecnico Commerciale viene aggregata all’Istituto Magistrale che, nel frattempo, è stato intitolato al Sindaco che ne deliberò l’istituzione: Vincenzo Almanza. Con l’avvio dell’Anno Scolastico 1995/96 nasce dunque l’Istituto di Istruzione Superiore “Vincenzo Almanza” che accoglie in una unica Istituzione Scolastica i due indirizzi esistenti, in una costante azione tesa all’ ammodernamento dei curricoli, ad una qualificazione dei processi didattici, dell’organizzazione, dei sussidi e dei laboratori, nella consapevolezza di essere l’unico polo di aggregazione culturale, per un’isola che altra alternativa non ha. Primo Preside della nuova Istituzione Scolastica è il Prof. Antonino Passalacqua. Negli anni scolastici 1996/97 e 1997/98 assume la Presidenza la Prof.ssa Angelina Rodo, più volte vicepreside dell’Istituto Magistrale. A seguito del pensionamento della Prof.ssa Rodo, nell’A.S. 1998/99, dopo un “reggenza” di 2 mesi del Prof. Antonio Valenza, l’incarico di Preside viene assunto dalla Prof.ssa Daniela Melani. Nell’A.S. 1999/2000 l’incarico di Preside viene ricoperto dal Prof. Giuseppe Liuzza (per il solo mese di Settembre1999), quindi dalla Prof.ssa Maria Riccobene.

Riunite anche fisicamente, a partire dal mese di Dicembre del 1997, nell’unico edificio di Via Napoli, di proprietà della Provincia Regionale di Trapani, le due sezioni, una ad indirizzo umanistico-magistrale e l’altra tecnico-commerciale, affrontano il “nuovo corso della scuola italiana” con sensibilità ed impegno costante.

Dall’A.S. 1996/97 le classi della sezione di Istituto Tecnico Commerciale, attraverso un percorso graduale di 5 anni, abbandonano il vecchio “indirizzo amministrativo” in favore del percorso ordinamentale IGEA (Indirizzo Giuridico Economico Aziendale), più moderno e meglio rispondente alle esigenze formative di una società in una fase di forte evoluzione economico-sociale. Dall’A.S. 1997/98 si avvia la sperimentazione dell’indirizzo “Socio-Psico Pedagogico” (BROCCA) nelle classi di un corso dell’Istituto Magistrale, in sostituzione del vecchio ordinamento quadriennale.

Dall’A.S. 1998/99, atteso che il vecchio ordinamento quadriennale degli Istituti Magistrali è stato abrogato con provvedimento Ministeriale, si avvia nel secondo corso dell’Istituto Magistrale la sperimentazione dell’indirizzo di Scienze Sociali.

Nell’A.S. 2004/2005 “viene alla luce” la sezione di Istituto Tecnico per il Turismo, percorso ordinamentale ITER, in sostituzione di uno dei due corsi IGEA della sezione di Istituto Tecnico Commerciale. L’istituzione di questo corso di studi risponde al bisogno di formazione in un settore, quello turistico, considerato prioritario dalle politiche di sviluppo economico. Lo sviluppo del settore turistico nella nostra isola impone infatti la necessità di formare nuove professionalità, in grado di rispondere efficacemente alle richieste del territorio, secondo un percorso formativo caratterizzato da ampia e flessibile formazione di base e finalizzato alla formazione manageriale nel settore.

Per l’A.S. 2012/2013 presso l’Istituto di Istruzione Superiore “V. Almanza” sono presenti, con il primo biennio completato e l’inizio del secondo biennio secondo la riforma Gelmini, le seguenti classi:

Nuovo ordinamento:

 Prima classe di Istituto Tecnico Economico indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing ;

 Seconda classe di Istituto Tecnico Economico indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing ;

 Terza classe di Istituto Tecnico Economico indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing

 Una prima classe di Istituto Tecnico Economico indirizzo Turismo;

 Due seconde classi di Istituto Tecnico Economico indirizzo Turismo;

 Una terza classe di Istituto Tecnico Economico indirizzo Turismo;

 Una prima classe di Liceo delle Scienze Umane;

 Una seconda classe di Liceo Scienze Umane;

 Una Terza Classe di liceo delle Scienze Umane;

Vecchio Ordinamento:

 Una classe quarta di Istituto Tecnico Commerciale (IGEA);

 Una classe quarta di Istituto Tecnico per il Turismo (ITER);

 Una classe quarta ad indirizzo Scienze Sociali;

 Una classe quarta ad indirizzo Liceo Socio Psico Pedagogico;

 Una classe quinta di Istituto Tecnico Commerciale (IGEA);

 Una classe quinta di Istituto Tecnico per il Turismo (ITER)

 Una classe quinta ad indirizzo Liceo Socio Psico Pedagogico;

 

L’ammodernamento dei curricoli ha imposto negli ultimi anni la necessità di dotare l’Istituto di adeguati laboratori e sussidi. Significativi appaiono certamente:

 la realizzazione del laboratorio multimediale con 25 postazioni (realizzato grazie al contributo del FESR);

 il potenziamento del 2^ laboratorio multimediale con 11 postazioni;

 la realizzazione della Mediateca, moderno laboratorio multifunzionale caratterizzato da 9 postazioni di computer dell’ultima generazione e da moderne e sofisticate attrezzature audio-video (realizzata grazie al contributo del FESR);

 il laboratorio linguistico interattivo, con 24 postazioni alunno;

 il potenziamento del laboratorio Chimico-Fisica;

 la realizzazione di un Centro contro la Dispersione Scolastica (finanziato dal FESR) presso i locali della Palestra, in corso di ristrutturazione da parte della Provincia Regionale di Trapani;

 la realizzazione del cablaggio completo di tutte le aule, di tutti i laboratorio e di tutti gli uffici e l’utilizzo di tecnologia ADSL (realizzato grazie al contributo del FESR).

 

Particolare attenzione è stata poi dedicata al tema della formazione nel campo delle ICT. L’impegno assunto dalla scuola negli ultimi cinque anni è stato quello di diffondere lo standard ECDL a tutti gli studenti a conclusione del loro percorso formativo. Pertanto, l’azione si è rivolta soprattutto alle classi quarte e quinte. In tal modo, lo studente “diplomatosi” presso il nostro Istituto Superiore negli ultimi 5 anni scolastici è certamente in grado di operare, seppur con le inevitabili differenze e gradualità, con sufficiente conoscenza e competenza con il computer, utilizzando i più conosciuti software applicativi. Tale risultato è stato raggiunto anche grazie al sostegno del FSE, che ha consentito l’attivazione di diversi corsi di formazione riferiti allo standard ECDL e rivolti agli alunni dell’Istituto.

Dal mese di maggio del 2003, presso l’Istituto Superiore, opera un Didasca e-learning Center che offre formazione nel campo della ECDL rivolta all’intero Territorio. L’AICA (Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico) ha inoltre accreditato tale Centro quale Test Center autorizzato per il sostenimento degli esami e per il rilascio della Patente Europea del Computer (ECDL).

 

L’ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO

Con l’avvio dell’ Anno Scolastico 2000/2001, per effetto del Piano di dimensionamento delle Istituzioni Scolastiche della Regione Sicilia, nasce l’Istituto Omnicomprensivo di Istruzione Secondaria Statale di Pantelleria che riunisce in un’unica Istituzione Scolastica l’Istituto di Istruzione Superiore “Vincenzo Almanza” e la Scuola Media Statale “Dante Alighieri”.

Dal 1 Settembre 2000 il Dirigente Scolastico è il Prof. Francesco Pavia.