Ultima modifica: 9 agosto 2018

AMMESSI FRA I PROGETTI FINANZIABILI LA COSTRUZIONE DELLA PALESTRA ED IL SECONDO STRALCIO DEL NUOVO EDIFICIO

Ammessi fra i progetti finanziabili dalla Regione Sicilia nell’ambito del Piano triennale per l’edilizia scolastica 2018-2020 i due interventi di completamento del progetto <<REALIZZAZIONE DEL NUOVO EDIFICIO DELL’ISTITUTO SUPERIORE “V. ALMANZA” DI PANTELLERIA>>, presentati dai competenti uffici della ex Provincia Regionale di Trapani ora Libero Consorzio Comunale di Trapani.

Con Decreto n. 3484 datato 1 agosto 2018, l’Assessorato dell’Istruzione e della Formazione Professionale della Regione Sicilia ha pubblicato il Piano Triennale dell’Edilizia Scolastica 2018-2020 per la Regione Sicilia, contente la graduatoria degli interventi finanziabili presentati dalle ex Province, alle quali è riservata una quota del 40 % delle risorse che saranno assegnate complessivamente alla Regione dal MIUR e la graduatoria degli interventi finanziabili presentati dai Comuni. In entrambe le graduatorie, vi è una distinzione fra gli interventi finanziabili nel 2018 e quelli finanziabili a partire dall’annualità 2019.

Le domande presentate in Sicilia sono state 447, di cui 356 da parte dei Comuni e 91 da parte delle ex Province.

I due interventi riguardanti la sezione di Istituto Superiore della nostra scuola si trovano al posto n. 34 fra gli interventi finanziabili nel 2018 ed al posto n. 48 fra quelli del 2019.

L’intervento finanziabile nel 2018 riguarda la realizzazione della tanta agognata Palestra, per un importo complessivo di € 5.675.000,00.

La palestra prevista all’interno dell’area di località Santa Chiara, ma con corpo separato dall’edificio principale,  ha una superficie coperta di circa mq 1.500.

struttura_palestra

L’intervento finanziabile nel 2019 riguarda invece il secondo stralcio del nuovo edificio e comprende il secondo piano e tutto il lotto B (per intenderci, quello riguardante l’aula magna a piano terra e aule e laboratori sul piano sovrastante).

L’intero edificio è costituito  da una struttura  che si sviluppa su due elevazioni, contenente complessivamente n. 22 aule, n. 7 laboratori, aula magna, uffici e servizi.

La superficie coperta del corpo aule è di mq. 2.013,00 per una volumetria complessiva di mc. 14.091.

 ingresso_nuovo_edificio

 

Intanto il 1^ stralcio va avanti…:

prevista l’aggiudicazione da parte dell’UREGA entro i primi sei mesi del 2019.

 aula_2aula_1

 

 

Tornando al Piano Triennale…

Il fabbisogno complessivo di risorse per la Regione Sicilia è pari ad € 894.958.610,24 , al netto del cofinanziamento previsto da parte di alcuni Comuni.

Le ex Province hanno un fabbisogno di € 278.709.809,06 ( € 172.099.521,68 per il 2018 e €  106.610.287,38   per il 2019).

Ovviamente più consistente il fabbisogno dei Comuni, che gestiscono tutte le scuole del 1^ ciclo (fabbisogno complessivo di €  617.102.762,68 ).

 

Quali potranno esser gli sviluppi per la nostra scuola ?

…certamente positivi !!!

Gli uffici preposti all’edilizia scolastica del Libero Consorzio Comunale di Trapani, guidati dall’Arch. Antonino Gandolfo (..ormai quasi.. un pantesco di adozione..) si sono prodigati, pur in carenza di personale, per avanzare il maggior numero possibile di candidature riguardanti l’istruzione di secondo grado di tutta la provincia di Trapani. Sono così riusciti (..anche perché continuamente sollecitati da parte nostra..) ad inserire fra i “finanziabili” i due progetti riguardanti la nostra scuola …

..e li ringraziamo pubblicamente… !!

Vi è in tutti un giustificato ottimismo su un positivo esito per entrambe le richieste di finanziamento !!

A differenza di alcuni comuni siciliani , che già annunciano sugli organi di stampa, l’avvenuto finanziamento da parte dei competenti organi regionali, …. noi …con prudenza…  preferiamo informare, attraverso il nostro sito, tutta “l’utenza” ed i “portatori di interessi” legati alla nostra scuola, che i progetti riguardanti il nostro Istituto Superiore sono “finanziabili”, cosi come lo sono, allo stato attuale,… i restanti 445 …

Certamente il cammino è ancora lungo, ma non esistono altre alternative: la tenacia, la serietà di impegno, le professionalità …. daranno certamente i frutti sperati !!

..ci vorrà…, come in tutte le cose della vita,…anche un po’ di fortuna….Smiley face with a positive emotion. Vector.

Quali saranno i passaggi successivi ed i relativi tempi ?

In base al Decreto Interministeriale n. 47 del 3 Gennaio 2018, i Piani Triennali, che sono stati approvati dalle diverse Regioni entro il 2 Agosto 2018, saranno esaminati  dal Ministero dell’Istruzione, il quale, con successivo decreto, dovrà, entro l’1 ottobre 2018, approvare la Programmazione Unica Nazionale degli interventi per l’edilizia scolastica e ripartire tra le Regioni le risorse disponibili.

Sulla base di tale decreto, le Regioni saranno autorizzate a stipulare mutui, con oneri di ammortamento a totale carico dello Stato, con la finalità di realizzare il Piano Triennale di riferimento.

E’ molto importante essere inseriti in tale Piano in quanto la graduatoria, valida per tre anni, potrà essere utilizzata anche per ulteriori finanziamenti e sarà possibile, di anno in anno, scalare la graduatoria con il miglioramento del livello progettuale posseduto

Si riporta di seguito il cronoprogramma delle azioni e delle procedure.

Pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n.78 del decreto Programmazione nazionale in materia di edilizia scolastica per il triennio 2018-2020. 4 aprile 2018
Entro 120 gg dall’adozione del decreto relativo alla programmazione nazionale,  le Regioni trasmettono al MIUR i Piani Regionali triennali 2018-2020 degli interventi per l’edilizia scolastica.

Prima di tale data le regioni devono stabilire, i criteri, le procedure e le scadenze per raccogliere le domande degli enti locali che saranno inserite, con l’attribuzione di punteggi predeterminati, nella graduatoria dei Piani Regionali triennali 2018-2020.

2 agosto 2018
Entro 60 gg  dall’avvenuta trasmissione dei Piani Regionali triennali 2018-2020, il MIUR approva con proprio decreto la Programmazione unica nazionale degli interventi per l’edilizia scolastica. Nello stesso decreto, il Miur dovrà ripartire tra le Regioni le risorse disponibili. 1 ottobre 2018
Entro 90 gg dall’avvenuta adozione della Programmazione unica nazionale, con decreto MIUR, di concerto con MEF e MIT, è autorizzato l’utilizzo delle risorse di cui al cap. 7106 del Miur. A seguito di ciò gli  enti locali beneficiari dei finanziamenti sono  autorizzati ad avviare le procedure di gare, con  pubblicazione del relativo bando, ovvero ad affidare i lavori. 30 dicembre 2018
Entro 365 giorni dalla pubblicazione del decreto MIUR, di concerto con MEF e MIT, che  autorizza all’utilizzo delle risorse (e permette l’indizione delle gare) gli enti locali devono giungere alla proposta di aggiudicazione, pena la revoca del finanziamento.

Da tale momento, previa aggiudicazione definitiva e stipula dei contratti d’appalto, l’effettiva consegna dei lavori potrà avvenire, realisticamente, non prima di ulteriori 90 giorni.

30 dicembre 2019